Lunedi, 21 Agosto 2017 - 16:23 «Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001»

×

Errore

Cannot retrive forecast data in module "mod_sp_weather".

Picture

...di Grazia S.




La bisessualità femminile è indubbiamente meglio "tollerata" e meno scandalosa di quella maschile. Anzi, per parecchie persone la bisessualità nella donna è una caratteristica allettante, un punto in più! Ne abbiamo già parlato in passato: nelle fantasie e nei desideri sessuali maschili, una donna bisessuale è fonte di eccitamento. 
Quindi, se una donna si dichiara bisessuale sarà presumibilmente ben vista dagli uomini e anche da alcune donne; non dai perbenisti naturalmente, pubblicamente schifate dai bigotti ma nemmeno tanto. Perché all'uomo l'idea di assistere (e ancor meglio partecipare) ad un rapporto sessuale tra due donne non dispiace per nulla!
E se invece, a dichiararsi bisessuale, è un uomo? 
La storia cambia, e di molto.
Intanto sappiate che sui siti di cam (tipo Cam4) gli uomini che guardano gli uomini sono un numero immisurabile perché nascosti dietro ad un nickname è più facile poter spaziare dove la mente vuole. E sono uomini che si dichiarano eterosessuali... mi spiego?
La differenza sta semplicemente nel fatto che, per questo perbenismo/bigottismo dilagato nei decenni precedenti e ancora radicato nella mentalità diffusa, un uomo che prova piacere nell'avere qualsiasi tipo di approccio con un altro uomo, non è un uomo! E' un mezzo uomo! Perde in mascolinità!
Perché il vero uomo nella nostra cultura è quello che si fa un sacco di donne, no?!
Personalmente credo che l'uomo più eccitante sia quello che non si pone limiti di sorta ma la cui sessualità è guidata dall'istinto e dal piacere, libero dal condizionamento degli stereotipi.
Poi chiaramente la mentalità in cui viviamo è condizionante: prova a dire sul lavoro, da uomo, che sei bisessuale... comporta quasi gli stessi problemi del dichiarare di essere omosessuale.
A volte mi chiedo se, prima di morire, avrò il piacere di vivere in una società che non giudica più le persone per le dinamiche sessuali e in cui non sia necessario doversi "vergognare" o doversi nascondere.
A voler semplificare al massimo, mi piacerebbe che come io amo mangiare carne e pesce, un altro ama solo la carne, un altro solo il pesce e nessuno di noi si vergogna a dirlo, anche nella sessualità ci fosse la possibilità di esprimersi liberamente... ce la farò?
Pubblicato in Blog - Grazia Scanavini

Sport People & Gallery